giovedì 17 luglio 2014

[BeBio#5] Raffica di baci!

Ecco il mio contributo per la quinta parte della rubrica ideata da MissHaul, anche se in ritardo spero possa esservi utile.

In questa puntata il focus sono le labbra e come renderle belle e idratate.
In realtà avevo già cominciato a parlarne quando si è trattato di parlare della routine viso. Io devo idratarle spesso, perché neppure a dirlo, le mie labbra sono sempre secche e screpolate. Anche adesso con 35 gradi riesco ad avere antiestetiche pellicine, ragione per cui non giro mai senza burro cacao nella borsa. Il burro cacao è come la crema per le mani, se me li dimentico, sono guai! Raggiungo livelli di disagio allarmanti che mi impediscono di fare qualsiasi cosa...

L'altra cosa indispensabile per me è l'aciclovir essendo soggetta, in periodi stressanti o pesanti, ad herpes labiali. In questo periodo ne ho avuto due di seguito senza soluzione di continuità. Un fastidio e un disagio che non vi dico. Purtroppo le pomate a base di antiretrovirale sono a base di paraffina e la cosa mi dà un fastidio ulteriore che non vi dico! Mi sembra di avere il domopack sulla bocca. Assurdo.

Ma quali prodotti uso per le labbra?

Contrariamente a molte ragazze, raramente faccio uso di scrub per le labbra, perché davvero è una zona troppo delicata per poter pensare di strofinare senza fare danni, anche quello più delicato non è adatto a me. Quindi l'unica accortezza per avere delle labbra presentabili è idratarle e nutrirle!
Allo scopo,e basta guardare le etichette del blog, ho usato miriadi di prodotti, quelli di questo periodo, sono questi:



E nello specifico:
Burro cacao vivi verde coop - ne avevo già parlato qui, ma riassumendo: è economico, di ottima qualità, e per dirla in una parola, è perfetto. Biologico, senza petrolati e siliconi, senza profumo, filma le labbra ma non come una pellicola fastidiosa, infatti si assorbe facilmente e nutre le labbra. Ultima caratteristica ma non meno importante, è un prodotto lenitivo!
Io di questi burro cacao ne avrò una decina sparsi in giro per casa, nelle borse, nel bagno, nelle tasche dei vestiti, non posso proprio farne a meno.

Lavera lips alla fragola - avevo parlato anche di questo, vedi link poco sopra - e a parte il fatto che non sia adatto ai vegani perché contiene carmine, non riesco a trovare difetti in questo prodotto, è molto confortevole e svolge il proprio lavoro egregiamente.

Il balsamo equilibra e quello dei provenzali aromatizzato, invece, sono bleah, bocciatissimi. U___U

Balsamo labbra aura di Tea Natura. Forse di questo non vi ho mai parlato se non accennando qualcosa sulla pagina facebook. In sintesi: è il miglior balsamo labbra mai provato. Punto. Idrata, nutre, protegge e sa di buono: a me ricorda le scorse d'arancia candite col cioccolato, me lo mangerei da quanto è buono, lo riapplico on continuazione solo per sentirne il profumo goloso, ma in realtà non ce ne sarebbe bisogno. Costa solo 5 euro ed è uno degli acquisti migliori che abbia mai fatto. Provatelo!  L'unico difetto che posso trovargli è che non è nel bullet ma nel pot, per cui va preso con le dita e quando si è in giro non proprio gradevole come cosa, ma per il resto è ottimo. Lodi sperticate per aura, se le merita!

Lavera lips sensitive - anche questo è confortevole, scivola bene sulle labbra ed è completamente trasparente rispetto a quello alla fragola che è più rosato. Idrata e nutre ed è per labbra particolarmente sensibili.

Crema riparatrice golosa di Biofficina Toscana - questa è una entry relativamente recente e ci è voluto un po' per capire come usarla. All'inizio la usavo come un semplice burro cacao ma non funzionava. Addirittura una volta l'ho messa mentre ero in tribunale in attesa di udienza, quando una collega si è girata e mi ha detto "ma hai le labbra bianche! Ti senti bene?" @__________@ 
Questo prodotto è completamente alieno rispetto ai suoi colleghi. 
Ha infatti una strana&inquientante consistenza collosa, ed è pure biancastra U______U
L'applicazione è semplice perché scivola sulla labbra, anche se, da appena messa, dà una ancora più strana sensazione come se labbra fossero... boh... addormentate? O_o' 
In realtà il prodotto così si fissa sulle labbra, si asciuga e diventa perfettamente opaco. Cosa mai vista per un prodotto per labbra di questo genere! 
So che non ci crederete, ma questa crema risparatrice è come se LIFTASSE le labbra! Avete capito bene, un lifting alle labbra, istantaneo! O_o' Le rende lisce e facilita la stesura di qualunque rossetto al di sopra di essa. Sconsiglio di usarla da sola, a meno che non la si metta prima di andare a dormire, sempre che vogliate passare per fantasmi. ;-)  Biofficina toscana ci stupisce sempre con prodotto innovativi e performanti.

 Con questi cinque prodotti vi saluto.

Al prossimo post!

mercoledì 16 luglio 2014

Il giardino di Arianna Haul!

Breve post haul per mostrarvi il contenuto del pacchetto che aspettavo dal giardino di Arianna. Poche cose in cui ripongo delle enormi aspettative!
In realtà l'olio amla di Khadì non è certo una novità: ve ne avevo parlato qui e se è finito nuovamente su questi schermi... insomma mi era piaciuto un sacco! Potete leggere qui per vederne l'inci che a dire la verità è molto interessante perché oltre all'amla contiene tante altre erbette che giovano ai capelli come Bringaraj e Brahmi.

Ho sempre sentito parlare bene delle maschere per il viso Cattier (e del brand in generale a dire il vero) ed è quindi venuto il momento per me di provarne una! Ho scelto quella all'argilla rosa ed aloe vera. Sul sito dello shop la descrivono come adatta a pelli sensibili e reattive (ed anche la foto del prodotto riporta la stessa dicitura), in realtà sul tubetto c'è scritto per tutti i tipi di pelle. L'inci però è lo stesso, quindi credo sia solo questione di packaging. Spero nel potere illuminante, addolcente e lenitivo di questa maschera.

L'ultimo prodotto è quello che ho desiderato di più e la ragione principale dell'ordine: la crema Iliana protettiva e lenitiva con olio essenziale di elicriso e carota. E' descritta come crema anti macchie e contiene, tra le altre cose, biossido di titanio e orizanolo. Dovrebbe avere un potere lenitivo e antiarrossante. Inoltre contiene uva ursina, adatta a schiarire le macchie solari. Spero di potervi parlare bene di questa crema in cui ripongo speranze: on line ho letto recensioni tra il positivo e l'entusiastico... Speriamo bene!

Due o tre notazioni a margine dell'ordine.

La gestione dello stesso è stata celere e soprattutto razionale, dal venerdì, il pacchetto è arrivato martedì (per fortuna!). Subito dopo aver pagato mi è venuto in mente che avrebbero potuto spedire lo stesso venerdì, con la conseguenza che il pacchetto sarebbe stato nelle mani del corriere, sbattuto in chissà quale maniera, al caldo, due giorni in più del necessario. Invece no, l'hanno spedito lunedì e il giorno dopo era nelle mie mani. Bravi.

Per effettuare gli ordini il sito de "il giardino di Arianna" non richiede iscrizioni, è tutto molto semplice e semplificato (metti nel carrello, scegli spedizioni e pagamento e stop) e questo, secondo me, denota attenzione nei confronti dei clienti.

Mandano delle mail nel corso della spedizione per monitorare l'ordine e questa volta mi è anche arrivato un sms sul telefono, da parte del corriere, con tutte le informazioni del caso.

Mi sono stati inviati due campioncini omaggio. Ecco me li ricordavo più generosi in questo senso.

Ho notato che alcuni prezzi sono più alti rispetto ad altri shop on line. Ma credo che la cosa sia bilanciata con le spese di spedizione gratuite oltre i 29,90 euro.

E poi, se volete saperla tutta, preferisco spendere due lire in più in un negozio che so essere SERIO e AFFIDABILE, piuttosto che assistere alle sceneggiate che si sono viste ultimamente sul web. 
Con questo è tutto e vi saluto :-)
Al prossimo post!

sabato 12 luglio 2014

Prodotti finiti di maggio e giugno 2014

Tanto per cambiare in ritardo pubblico il post sui prodotti terminati del periodo. Stavolta sono riuscita a non far passare quattro mesi per scrivere dei miei prodotti finiti... Facciamo progressi... U_U
Ma bando alle ciance:
Ecco cosa ha stazionato per il mio bagno in questi mesi.

Innanzi tutto ho finito le mie amate salviettine struccanti di Avril. Sono fantastiche, meglio di qualsiasi altri prodotto simile mai provato: struccano bene e per questo durano anche parecchio, non bruciano, non irritano, non si sfaldano, non hanno odori strani e fastidiosi. Io le ho adorate e mi è spiaciuto molto siano finite. Toglievano ogni traccia di rossetto in una passata. Le ho sostituite con le salviette struccanti viviverde coop che non mi stanno piacendo per nulla e mi hanno provocato labbra gonfie ed irritate. Devo assolutamente ricomprare le Avril che per di più costano solo 2,50 euro.

Shampoo doccia all'argilla ghassoul di tea natura. Non ho più parole per dire quanto amo questo prodotto, che ho già ricomprato. Qui la review completa. 

Shampo Antos per capelli secchi. Altro prodotto da 10+ da ricomprare. Qui per la review.

Lo shampoo Antos per capelli normali mi è piaciuto meno (molto meno) rispetto al fratello per capelli secchi, forse per la presenza di propoli con cui a volte non vado d'accordissimo, specie se la utilizzo con la costanza con cui ho utilizzato lo shampoo (io lavo i capelli tutte le mattine praticamente e questo shampoo per me, alla lunga, è troppo aggressivo, non va assolutamente bene).

Shampo la saponaria per capelli secchi: mi è piaciuto ma non mi ha rubato il cuore. E' uno di quei prodotti che devo provare e riprovare prima di capire se fanno realmente per me.

Balsamo concentrato attivo Biofficina Toscana: bello, bello, bello. Qui per saperne di più.

Borotalco: quella confezione era un residuato di quando il mio ragazzo viveva a casa sua. L'abbiamo finita non a caso ora che *sembra* arrivata l'estate. Un po' di talco è sempre utile in tutte quelle situazioni in cui la pelle tende a non asciugarsi bene con conseguenti irritazioni.

Crema per le mani nutriente con olio di avocado e neem di equomercato. Questo è un addio senza rimpianti. Qui per saperne i motivi.

Detergenti intimo bardana e calendula de la saponaria: amore, amore, amore per questo prodotto super-delicato che aiuta a debellare qualsiasi irritazione. Qui per la review.

Shampoo ultradolce di garnier al burro cacao ed olio di cocco. L'inci è accettabile:
 ACQUA (solvente) SODIUM LAURETH SULFATE (tensioattivo) COCO-BETAINE (tensioattivo) GLYCERIN (denaturante / umettante / solvente) SODIUM CHLORIDE (viscosizzante) CI 14700 (colorante cosmetico) COCAMIDE MIPA (emulsionante / stabilizzante emulsioni / tensioattivo / viscosizzante) COCOS NUCIFERA OIL (emolliente / condizionante per capelli / coprente / condizionante cutaneo / solvente) SODIUM BENZOATE (preservante) HYDROXYCITRONELLAL (Allergene del profumo) SODIUM COCOATE (emulsionante / tensioattivo) SODIUM HYDROXIDE (agente tampone / denaturante) THEOBROMA CACAO BUTTER (vegetale / emolliente) PEG-60 (Umettante) HYDROGENATED CASTOR OIL (emolliente / emulsionante / tensioattivo / viscosizzante) POLYQUATERNIUM-10 (antistatico / filmante) SALICYLIC ACID (preservante) BENZYL SALICYLATE (Allergene del profumo) LINALOOL (Allergene del profumo) CARAMEL (colorante cosmetico) METHYL COCOATE (emolliente / condizionante cutaneo) CITRIC ACID (agente tampone / sequestrante) HEXYLENE GLYCOL (solvente / emulsionante / tensioattivo / condizionante cutaneo / profumante) HEXYL CINNAMAL (Allergene del profumo) PARFUM

Ma mi ha creato un'irritazione delle pelle dietro il collo e dietro le orecchie (non sul cuoio capelluto U________U ) e l'ho fatto finire l mio ragazzo. Avevo la sensazione che non si sciacquasse mai.O_o' Boh, è un addio, certamente non lo ricomprerò.

Poi ho testato due campioncini: lo shampoo extravergine della saponaria con il balsamo cedro e finocchio di Alkemilla che mi erano stati inviati in omaggio con so più quale ordine... Francamente non ho capito niente... Se non che i capelli non sono venuti benissimo. da riprovare in futuro.

Fuori dalla foto ma solo per motivi logistici (era conservato nel bagno del piano di sotto e non avevo voglia di fare le scale U___U sono pessima lo so) il bagno crema al cocco e tiaré di So'Bio étic.
Profumo paradisiaco, ma tensioattivi meno delicati di quel che speravo. Qui per leggere la review.

Con questo direi che è proprio tutto! Fare questi post serve innanzi tutto a me per rendermi conto che non finisco mai nessun cosmetico decorativo: basta comprare make up! :-P

Il mio amico alluminio cloroidrato ed i suoi fratellini nocivi.

Questo post non è per ecobio-dipendenti. Lo dico subito.
Vi mostro una serie di deodoranti che uso quotidianamente, ma non per farvene una review, ma per lanciare una sfida: tutti questi deodoranti, per così dire, "tradizionali" infatti, funzionano abbastanza bene, durano tutto il giorno senza troppi pensieri, anche ora che le temperature son quello che sono. 
Certo, cerco di prendere quelli a vocazione "naturale" sapendo bene che di naturale hanno poco o nulla.

Dove pure&sensitive e pure&natural con relativi inci 

 Neutro Roberts extra fresco
 Lycia total fresh e Borotalco al muschio bianco


 Dove e infasil



A girare i flaconi per leggere l'inci... in alcuni casi c'è da star male... Mai mi ero resa conto di quante schifezze ci potessero essere dentro un deodorante. A parte gli antitraspiranti che vabbeh, ci sono per evidenti ragioni, sono presenti siliconi (che servono per far rimanere il prodotto esattamente dove lo avete messo) e sostanze di cui non sospettavo nemmeno l'esistenza U_U.
Perché, dunque, spalmarsi e spruzzarsi addosso prodotti dall'inci quanto meno discutibile? Semplice: per ragioni di funzionalità.   
Ad un prodotto, che sia ecobio o "tradizionale", in genere si chiede prima di qualunque altra cosa che sia funzionale all'uso per cui è stato concepito, per cui, se ha un inci perfetto, ma poi non funziona, ovvero non svolge il lavoro per cui è stato formulato, ahimé, va bocciato senza tante remore.
Poi ovviamente c'è prodotto e prodotto... Se un rossetto non dura tutto il giorno pazienza! Specie se è naturale... Al massimo lo si riapplicherà durante il corso della giornata. Ma capite bene che se a non funzionare è il deodorante la faccenda si fa più complicata...
Ma cosa deve contenere un deodorante per essere efficace? Beh una lunga serie di ingredienti. 
Questi sono solo alcuni.
Quelli che fanno per me sono a base di antitraspiranti, alluminio cloroidrato in primis che restringe i canali attraverso cui il sudore esce, ma non ne impedisce la formazione e per questo potrebbe essere causa di forti irritazioni. Per fortuna mi succede molto di rado.
Poi ci sono deodoranti a base alcolica che impediscono la proliferazione batterica, almeno momentaneamente... Questi sì che irritano tantissimo e bruciano, specie dopo la depilazione. Ma a tanto soffrire non corrisponde un risultato positivo, nel senso che non durano nel tempo (l'alcool evapora): lasciano a piedi specie se fa caldo.
Ci sono, inoltre, altri tipi di anti traspiranti, più gentili, tipo l'allume di rocca. E' molto meno aggressivo dell'alluminio cloridrato anche se sono "cugini" e per questo lo trovo meno efficace. Anche questo non blocca la sudorazione e non è profumato, quindi se si cerca un buon profumo non è adatto allo scopo.
Poi esistono i batteriostatici di cui l'infasil in stick è esempio: la sostanza funzionale in questo caso è il dipropylene glycol che blocca la sudorazione e come intuirete la cosa non è molto positiva... In più sono basici, dal ph, dunque incompatibile con quello della nostra pelle.
Ma arriviamo al motivo di questo post.
Io ho provato tanti deodoranti ecobiologici. Alcuni li ho anche promossi perché vi ho riconosciuto dei pregi, quali per esempio il profumo particolarmente gradevole (i lavera a base alcolica ne sono un esempio) o una particolare attenzione all'inci (il roll on alla lavanda di alchimia natura ad esempio), ma nessuno e dico nessuno di quelli che ho provato è anche solo lontanamente paragonabile ad un deodorante tradizionale del tipo di cui sopra.
Alcuni sono riuscita ad usarli quotidianamente, ma solo in situazioni in cui sapevo di poter tornare a casa nella pausa pranzo o quando sapevo di dover stare seduta alla scrivania e di non dover scarpinare in giro. In tutte le altre situazioni ho sempre usato un deodorante di tipo tradizionale, con sali d'alluminio o altre diavolerie simili, che so benissimo non facciano bene alla pelle, ma che funzionano e non lasciano a piedi nel bel mezzo della giornata. 
Dal punto di vista della stretta funzionalità, dunque, tutti i deodoranti ecobio che ho sin ora testato vanno bocciati.
La sfida è questa ed è rivolta alle case cosmetiche: creare un deodorante ecobio che duri, anche d'estate, tutto il giorno e che non lasci a piedi nel bel mezzo della giornata. Chi ci riuscirà?

giovedì 10 luglio 2014

Tangle Teezer, il must have di cui si può anche fare a meno.

Dopo qualche tempo dall'utilizzo di questa spazzola mi sento di darvi un'opinione. Per il riassunto delle puntate precedenti, qui potete leggere il post haul relativo a questa spazzola.


Ora, dal titolo penserete che non mi sia piaciuta, ma non è così, in realtà mi piace ed è l'unica spazzola che utilizzo da quando ce l'ho.
Ma andiamo con ordine.
L'ho acquistata da BeautyBay.com in un momento in cui c'erano sconti, pagandola circa 7/8 euro, spinta dalla curiosità di testare un prodotto di cui avevo sentito parlare benissimo.
Io, sempre alle prese coi miei problemi capilliferi e con le mie piccole tragedie tricologiche, ne sono stata un po' rapita. Anche perché, guardando le review su youtube e leggendo i vari blog, questa spazzola piaceva sia alle teste leonine con tanti capelli crespi, grossi ed indomabili, sia alle teste con capelli sottili.
Per scoprire il quid misterioso e miracoloso ho dovuto acquistarla.
Come saprete già questa spazzola è concepita per districare i capelli bagnati ed è composta da file dentini di due lunghezze diverse. Non ci sono setole, ma solo dentini di plastica, e questo non rende idonea la spazzola all'uso combinato con fonti di calore (che poi usare il phon e questa spazzola priva di manico sarebbe risultato comunque impossibile).

Prima di averla la mia routine era quella di pettinare (proprio con un pettine, non con una spazzola) i capelli dopo averli lavati, da umidi per sciogliere i nodi ed iniziare a dare una forma facendo la riga da parte.
Questa operazione, benché usassi (ed usi tuttora) fior fiori di balsamo ecobiologici e maschere grassocce, non mi esimeva dal lasciare sul pettine una quantità di capelli spezzati, con tanto di condimento di bestemmie varie per il dolore che questo provocava.

Solo dopo aver sciolto i nodi passavo alla fase di asciugatura con spazzola tonda e phon. Ora, vista la stagione, a dire la verità, a meno che proprio non debba andare da qualche parte, lascio asciugare i capelli all'aria naturalmente, in modo tale per cui i miei ricci e le mie onde rimangano tali.

Da quando ho la tangle teezer la routine è sempre la stessa, ma avviene con la suddetta spazzola. Cosa cambia? Scioglie davvero i nodi senza dolore e senza spezzare i capelli?
Ebbene sì. I nodi li scioglie sul serio e la quantità di capelli spazzati nella spazzola si è ridotta (ma non è che sia sparita! Il dolore quello sì, è sparito). E' molto meno precisa di un pettine ma comunque si riesce anche a dare una sorta di piega ai capelli.

Che dia volume alla chioma no, questo non è vero - nel mio caso - perché avendo pochi capelli, per giunta sottili e corti, l'utilizzo della spazzola tende, al contrario, a schiacciarli ed appiccicarli sulla testa, tanto che in genere, dopo aver pettinato i capelli, li smuovo con le dita o passo la spazzola nel senso inverso (si capisce cosa intendo?). Però il passaggio di questi dentini sulla cute è veramente piacevole e delicato, mi pare che stimoli la circolazione e non ha nulla a che fare con l'aggressività delle setole o dei denti di altre spazzole (specie quelle con i dentini ricoperti in cima) con l'utilizzo delle quali mi sono ritrovata, a volte, con la testa graffiata. O_o'

Ha una strana forma "ergonomica" U_U che all'inizio mi era scomoda, ora ci ho preso la mano. Ed è senza manico. Può essere utilizzata per dosare meglio i trattamenti sui capelli, quali maschere per esempio, in modi che non colino dopo l'applicazione.

Io mi ci trovo bene. Non mi capacito come le ragazze con grandi masse di capelli ci si possano trovare altrettanto bene, perché i dentini sono corti e difficilmente prenderanno tutti i capelli in una passata. Probabilmente un po' di pazienza e qualche passaggio in più risolverà il problema :-P

Dunque mi è piaciuta, ma perché allora se ne dovrebbe fare a meno? 
Beh, è una spazzola non senza difetti: si può scegliere tra molti modelli - io ho scelto quello da viaggio perché era l'unico che avesse una protezione per i dentini, che saperli appoggiati lì a casaccio sul mobile del bagno non mi faceva impazzire come idea U_U - ma tutti sono senza manico, il che rende l'utilizzo meno pratico.
Scioglie i nodi, è vero, ma definirla addirittura miracolosa mi pare esagerato. Nei primi giorni di utilizzo avevo persino pensato di regalarla a mia sorella (dotata di grande chioma riccia e lunga al contrario di me U___U) perché non ne ero rimasta entusiasta. Poi con l'uso ho imparato ad apprezzarla di più, ci ho preso la mano ed ora uso solo questa. 
Senza contare che non è un prodotto "completo": con questa non ci potete fare la piega classica col phon.
In sintesi diciamo che secondo me è un prodotto carino, "alla moda", sfizioso e colorato ma non vale la pena spenderci i soldi che costa a prezzo intero. 
Se proprio pensate di non poter vivere senza, aspettate qualche offerta sul web.