domenica 3 agosto 2014

[BeBio#6] Giù la testa!

Ultimo appuntamento con la rubrica ideata da Miss Haul che ci ha tenuto compagnia per ben 6 settimane e qualcosa in più per le ritardatarie come me!
Per quel che mi riguarda questo è l'episodio più impegnativo fra tutti. Ho miliardi di prodotti per capelli, anche se i risultati, ovvero bei capelli, tardano ad arrivare! Fra l'alopecia, ed il fatto che quelli che ho sono perennemente crespi e ingestibili tendo ad accumulare prodotti oltre il necessario, lo ammetto U__U'
Il sogno di bei capelli, densi e corposi, credo non si avvererà mai O_o'

Avendo molte cose da farvi vedere parto subito con le descrizioni. Non ne farò di particolareggiate ma seguiranno poi recensioni sul blog, anzi se avete qualche richiesta particolare lasciatela nei commenti!

Step n. 0 L'idratazione e il nutrimento. Fase eventuale.

I miei capelli vogliono idratazione e nutrimento. Per questo cerco di fare degli impacchi prima di fare lo shampoo. Ne ho provati di diecimila tipi e vorrei provarne ancora di nuovi.
Quelli che sto usando in questo periodo sono l'onnipresente gel d'aloe di bioearth 96%, come farei senza di lui? Multifunzionale tra corpo e capelli, è ottimo per tutti gli usi. 
Linissimo di fitocose. è una maschera bella grassoccia che nutre i capelli. Dopo linissimo non occorre nemmeno usare il balsamo perché i capelli risultano già districati di loro. Credo che ne scriverò una review più approfondita, per ora vi basti sapere che come preshampoo la trovo molto buona, mentre usata come balsamo è veramente pessima: lascia i capelli troppo appesantiti e praticamente da rilavare. 
E' da poco rientrato nella mia routine l'olio all'amla di Khadì, di cui invece ho già ampiamente parlato su questi schermi: olietto bellino che applicato sui capelli umidi, rende i capelli docili e lucidi come niente altro che ho provato fin ora (e ho provato davvero tanti prodotti per capelli!)

Step n. 1 detersione.

Raccolgo qui tutti i prodotti che sto usando o prevedo di usare a breve. Non mi dite niente, sono pessima lo so U______________U 
Lo shampoo è uno di quei prodotti sui quali, in genere, non vado al risparmio ed il motivo principale è che non voglio prodotti aggressivi che secchino i capelli, che già di mio sono crespi. Chiaramente questa regola vale ben delle eccezioni, infatti quando trovo un prodotto bio e certificato che costa pure poco sono ben contenta di provarlo. Ed in questo periodo sto facendo proprio così: ho trovato tutti i prodotti Omia per capelli scontati ed ho fatto scorta sia di shampoo che di maschere (che in realtà sono balsami!). E' tutto certificato ICEA tranne la maschera all'aloe. Cliccate qui per vederne gli inci.
Al momento sto alternando lo shampoo ai semi di lino e lo shampoo all'aloe
Non fanno tanta schiuma e questo sarà un po' traumatico per chi è appena passato all'ecobio, ma ne fanno comunque ben di più rispetto agli shampi Antos per esempio. 
Questi shampoo, a dire la verità, non mi stanno facendo proprio impazzire... A me pare che secchino un po' i capelli rendendo inutile lo step precedente. Li diluisco, come tutti gli shampoo ecobiologici. Al momento quello all'aloe mi sembra migliore rispetto al collega ai semi di lino. Spero che i fratellini si comportino meglio!
Dello shampo-doccia all'argilla ghassoul di Tea Natura ho già parlato qui, lo trovo sempre un ottimo prodotto e mi sa tanto che nel beauty delle vacanze finirà lui mentre tutto il resto rimarrà a casa in attesa di essere ritirato fuori a settembre.

Step n. 2 districhiamo!

Dopo aver lavato i capelli, applico sempre un balsamo onde poterli districare con facilità, in questo momento sto usando le maschere di Omia abbinate ai rispettivi shampoo.
All'inizio le applicavo, districavo e risciacquavo e no, non andava bene per niente. Capelli bruttissimi e crespissimi. Ingestibili!
Ora lascio la maschera in posa per qualche minuto e le do il tempo di agire e così va molto molto meglio, non dico di avere ricci proprio definiti, ma sempre meglio di prima. 
Le maschere di Omia per ora sono la cosa migliore che ho provato di questo brand. Trovo che quella all'aloe, quella non certificata, sia migliore rispetto a quella ai semi di lino. Di ogni prodotto penso che scriverò una review per mostrarvi gli inci, non lo faccio già qui perché questo post rischia di essere infinito già di suo. In ogni caso queste maschere mi piaciucchiano abbastanza e, anche in questo caso, confido che le sorelline ancora chiuse si comportino altrettanto bene.
Ogni tanto, oltre che nelle cose nuove da provare, mi rifugio nei vecchi amori e l'impacco all'olio di sapote dei provenzali in questo senso è un po' la mia coperta di Linus. Ne ho parlato qui ed il post è il più letto in assoluto.. In sintesi, mi piace? Sì. ;-)   

Step n. 3 Colore, trattamenti rinforzanti, risciacquo e styling! Fase eventuale.

Tingo i capelli, con henné tono freddo delle erbe di janas e indigo dello stesso brand. Qui per vederne la resa.

Queste sono le erbette per i trattamenti rinforzanti o lavanti. In genere l'amla non può mai mancare, per le altre erbette vado a rotazione. Ammetto che dovrei fare impacchi più spesso, mescolati ad oli vegetali o balsami o semplicemente ad acqua perché la differenza, quando li applico si vede! 
I capelli sembrano davvero più spessi, più robusti, più folti e lucidi. Insomma sono realmente più belli.
Io le consiglio a tutti, anche a chi non vuole tingere i capelli, o non ha esigenze particolari: provate qualche erbetta fra queste (non è necessario averle tutte! Io ho scelto fra quelle rinforzanti e anti caduta, ma ce ne sono anche di altri tipi). Anche di queste farò una review perché ormai senza non saprei più stare.
Dulcis in fundo troviamo Biofficina Toscana. Queste due lozioni le ho da talmente poco che non me la sento ancora di recensirle. Come prima impressione l'anti-crespo per me è un grande no, mentre quella per i ricci mi piace un sacco: aiuta davvero ad avere onde definite e leggere. Anche quest'ultima finirà nel beauty delle vacanze :-D
Infine abbiamo il dopo-balsamo-ultimo risciacquo di Centifolia all'aceto di sidro da usarsi appunto, all'ultimo risciacquo per chiudere le squame di capelli e per farli quindi apparire più lucidi e l'idrolato di rosmarino che invece mescolo di quando in quando alle erbette piuttosto che agli shampoo. In realtà questi due prodotti li uso più di quanto non avessi pensato all'inizio e sono stata contenta di averne un paio di flaconi in regalo da un'amica che non li usava (io li comprai tempo fa). Al termine di questi vorrei provare l'idrolato de La Saponaria e l'aceto da risciacquo di Yves Rocher di cui ha parlato Lara nel post dedicato a giù la testa. Potete leggerlo qui. Pare abbia un buon inci e a differenza di questo di centifolia è profumato!
Special guest: accessori per capelli. 

Cioè un solo accessorio. la tangle teezer. Potete leggere cosa ne penso qui. Effettivamente districa bene senza strappare i capelli, ma ha il difetto che non ci si può fare la piega, almeno non in senso tradizionale.

Con questo è davvero tutto. Che io sia fissata coi capelli e abbia un qualche problema credo si veda dalla quantità di prodotti: io ho esigenze particolari, ma neppure avrei bisogno di tutto questo cucuzzaro di roba, figurarsi una persona che non ha particolari problemi o esigenze.
La cosa che mi consola è che non c'è nulla che vada a male e sono tutte cose che sfrutterò nel tempo... Però sì, dovrei darmi una calmata!

11 commenti:

  1. No dai sonomorta appena ho visto la foto dei prodotti Omia! XDDD Mitica, ahahahah!

    Ti dirò, avendo una cute problematica e non trovandomi tanto bene con lo shampo alla macadamia, non credo ne acquisterò altri.. ç_ç le maschere sì però :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li ho presi tutti subito, ma dato che li ho trovati scontati, visto che sono pure certificati li ho presi per provarli. E già ho notato differenze fra la linea all'aloe e quella ai semi di lino. Nutro speranze che le linee ancora chiuse siano migliori di queste ahahahahhahhaha (anche se le maschere non sono male -> certo che ho provato di meglio, ma non al prezzo di 2/3 euro!)

      Elimina
  2. tutti quegli shampoo assieme mi fanno paurissima XD
    quando ne ho aperti più di due in contemporanea già è tanto...

    il gel d'aloe sto cercando di sperimentarlo pure io ma non ho ancora capito bene come usarlo mi sa perché sui capelli non fa 'sta differenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra un esercito schiumoso, lo so. Ha fatto una discreta impressione anche a me fare quella foto, considerato che ho comprato in periodi diversi e non sempre ci si rende conto di quanto si ha in casa U___U Ne ho aperti, per ora due (la mia intenzione era di aprirne uno più nutriente e l'altro più leggero, ma non è andata proprio così XD). Io il gel d'aloe lo uso come impacco, da solo o mescolato a qualcos'altro (come l'olio khadì). Non lo uso come leve in se non raramente perché irrigidisce leggermente le punte ed è un effetto che non mi piace granché.

      Elimina
  3. non ho mai usato l'aloe da solo sui capelli, non so se farebbe al caso mio ma devo provare. Non uso maschere da tempo immemore, giusto quando vado al mare ungo i capelli con un mix di oli profumato al monoi e i capelli dopo mi sembrano star meglio. Ho anche abbandonato il Khadì (hennè) per mancanza di tempo e due filini bianchi spuntati dal nulla, ma i capelli per fortuna non ne hanno risentito. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunella :-D Invidio, in senso buono ovviamente ;-) chi non ha esigenze specifiche riguardo ai capelli. I miei sono sempre disastrosi.

      Elimina
    2. ahah ma no non è che non faccio tante cose perché non ho problemi con i capelli, al contrario! I miei sono lisci (e fin qui danno meno problemi), ma purtroppo sono grassi e devo lavarli a giorni alterni...una scocciatura. Non faccio tanti trattamenti per mancanza di tempo dovuta alle due bimbe :-)

      Elimina
  4. Una domanda sulle "erbette per i trattamenti rinforzanti": ho acquistato il brahmi attratta dalle sue mirabolanti proprietà - consigliato per forfora (celo), caduta eccessiva (in testa ho comunque un cespuglio, ma perdo matasse di capelli qua e là), incanutimento precoce (i miei quattro capelli bianchi potrebbero restare solo quattro??? wow!) - e devo dire che per la forfora mi ci trovo benissimo; non amo molto riempirmi la testa di fanga, però funziona e la cute ringrazia. Sono le lunghezze che, invece, non ringraziano: mi rende i capelli proprio stopposi.
    Io seguo le indicazioni sulla confezione, brahmi+acqua calda; per la tua esperienza, posso metterlo a macerare anche con l'olio o è una cretinata?
    Grazie!

    Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le erbe puoi fare tutti gli esperimenti che vuoi! Ogni tanto mescolo le polveri con oli anche io. Io adoro l'olio all'amla di khadì ma puoi usare un qualsiasi olio vegetale (quello di jojoba per esempio è adatto anche ai capelli!)

      Elimina
    2. Uh, grazie, al prossimo lavaggio sperimento! Dispongo di olio di ribes nero (che direi che sui capelli è proprio sprecato), olio di mandorle (che però ho la vaga impressione abbia iniziato a percorrere la via dell'irrancidimento) e olio di cocco... direi che proverò con quest'ultimo!

      Claudia

      Elimina
    3. Brahmi, acqua e olio di cocco: sicuramente meglio delle altre volte, ma comunque capelli opachi e stopposi. Che è esattamente la stessa cosa che mi succedeva con lo shampoo antiforfora al neem della Khadi (ottimo sulla cute ma capelli inguardabili), che però non conteneva brahmi... uhm.
      La prossima volta provo a fare solo brahmi e olio di cocco.

      Claudia

      Elimina