domenica 13 novembre 2016

Le erbe di Janas - cosmesi fitoterapica de Sardigna - Shampoo per capelli secchi al fico e lentischio

Riprendiamo a lavare i capelli con metodi tradizionali, ovvero il caro vecchio amico shampoo.
Oggi vi parlo di un prodotto molto particolare: lo shampoo per capelli secchi al fico e lentischio de Le erbe di Janas.


Già vi vedo perplesse, dato che passo la maggior parte del mio tempo libero a scrivere di shampoo vi chiederete cosa abbia di speciale questo.
Se continuate la lettura, cercherò di spiegarvi tutto nel migliore dei modi.
Partiamo dall'inizio. E' già qualche mese che ha esordito sul mercato la nuova linea de le erbe di Janas dedicata alla cosmesi fitoterapica de Sardigna.
Si tratta, secondo l'azienda, di una rivoluzionaria linea cosmetica, frutto di un lungo lavoro di ricerca, che vanta un'alta percentuale di estratti vegetali superiore di 8/10 volte rispetto agli altri prodotti presenti sul mercato, lavorati a freddo per preservarne i principi attivi ed evitarne la degradazione. 
Tutte le parti botaniche sono coltivate e raccolte in Sardegna, certificate biologiche e biodinamiche.
Ovviamente da lavorazioni simili, che utilizzano materie prime di altissima qualità, si ottengono prodotti veramente validi, ma non proprio a prezzi da discount. E non sarebbe neppure giusto - né etico - sottopagare un lavoro fatto di ricerca e sviluppo.
Prima di questa uscita, il marchio di le erbe di janas era già piuttosto conosciuto e diffuso tra le ecobio dipendenti e sui vari e-commerce che si occupano di biocosmesi. Io stessa ho fatto e faccio tuttora largo uso di henné, erbe tintorie ed erbe curative. Tutti questi prodotti, pur essendo di altissima e indiscussa qualità hanno prezzi più che accessibili. L'henné tinge in modo pazzesco, non è sabbioso per niente, l'indigo idem etc...
I prodotti di cosmesi fitoterapica invece hanno prezzi ben più consistenti e più alti anche rispetto ad altri prodotti di altri marchi di fascia sovrapponibile.
I prezzi che mi sono rimasti più impressi sono stati quelli degli shampoo (18 euro) e quelli delle maschere per capelli (39 e 45 euro ovvero la metà del mio budget settimanale per la spesa familiare).
Onestamente da consumatrice sono rimasta sconcertata e mi sono chiesta: cosa si propone di fare uno shampoo da 18 euro? Trasforma i miei capelli sfigati nella chioma di Andie Mcdowell? E cosa mi devo aspettare da una maschera da 45 euro?
Per rispondere a queste domande non mi restava che provare qualcosa.
Complice la scontistica consistente praticata all'uscita ho deciso di provare il mio prodotto feticcio ovvero lo shampoo per capelli secchi. 
L'ho comprato questa estate, dunque ho avuto modo di provarlo per un bel po' di tempo. Me ne rimane ancora un poco che sto centellinando alternandolo con altri prodotti.
Vi anticipo che no, miracoli non ne fa (come niente altro del resto, se trovate qualcosa di miracoloso fate un fischio...) quindi addio chioma fluente di Andie purtroppo.
Nonostante non abbia fatto trattamenti particolari, se non appunto lo shampoo stesso (poi di balsami ne ho utilizzati parecchi, compreso lo splend'or al cocco per ammortizzare i costi) i capelli, a differenza degli anni passati, non sono mai diventati crespi e stopposi, neppure in piena estate, con mare, sole, salsedine. Hanno ben tenuto il mio riccio naturale che tende a svanire per via dei miei capelli sottili sottili. Anche solo facendoli asciugare all'aria ottenevo onde morbide e definite, senza fare la piega col phon e senza usare piastre o ferri. 
Alla prova d'uso di comporta più che bene, fa schiuma e deterge come si deve, efficacemente ma delicatamente. L'azienda suggerisce di lasciarlo in posa, io però non l'ho tenuto mai più di qualche minuto (ci sono pur sempre tensioattivi e una piccola percentuale di alcool dentro) e comunque non ho avuto nessun tipo di problema.
Lo shampoo in sé è quindi un buonissimo prodotto che sicuramente ha giovato alla mia chioma.
Vale 18 euro? Ha prestazioni così differenti rispetto ai competitori tali da giustificare il prezzo? A questo pensa debba rispondere ognuno di noi, secondo la propria esperienza personale (e secondo cosa dice il portafoglio purtroppo). Vi posso dire che non so se ne spenderei 18, ma non mi sono pentita affatto di averne spesi 14 e se lo ritrovassi in offerta lo ricomprerei al volo.
Voi cosa ne pensate di questa linea? Avete già utilizzato qualcosa? Come vi ci siete trovati?
Ho preso anche le mini size delle maschere (che costano come full di altri brand ecobio), vi farò darò un'opinione anche su di loro.

giovedì 3 novembre 2016

Lavare i capelli con l'argilla ghassoul, la mia prima volta.

Dopo aver testato un trilione di shampoo, balsami, impacchi e maschere, oggi vi parlo di un modo alternativo di lavare i capelli. Sembrerà strano ma fino a questa sera non avevo mai utilizzato il ghassoul. Ho utilizzato erbe tintorie e erbe curative, ma mai, nella detersione, come sostitutivi del classico shampoo. Reduce da un brutto raffreddore, ho deciso di rilassarmi un po' nella vasca da bagno e complice l'acqua calda e la schiuma profumata del bagnoschiuma ho pensato che avrei potuto completare il mio piccolo percorso di benessere applicando un impacco di una qualche erbetta delle mie sui capelli, solo che non avevo voglia di lavarli prima di fare il bagno (in genere impacchi di quel tipo vanno fatti a capelli puliti) per risciacquarli subito dopo, così ho preso il ghassoul (il mio è quello di Tea Natura) che è un'argilla saponifera, originaria del Marocco, che serve proprio a lavare i capelli. Qui potete trovare qualche informazione più dettagliata.






Nel mentre la vasca si riempiva ho fatto la pastella con acqua calda e circa due terzi di argilla, mescolati ad un terzo fatto di un misto di polvere di baheda e di kapoor kachli de Le erbe di Janas.

Ho scelto la polvere di baheda di Biopark cosmetics perché serve per rinforzare i capelli e stimolarne la crescita. E' indicata per il trattamento dei capelli sottili (come i miei) e fragili (che ve lo dico a fare...).
Il kapoor kachli invece ha proprietà condizionanti, quindi l'ideale è usarlo in combinazione con l'argilla saponifera o con erbe lavanti come shikakai. E' adatto nel trattamento dei capelli fini per irrobustire e dare spessore al fusto e, anche lui, stimola la crescita dei capelli. Ultimo ma non ultimo ha un profumo speziato intenso che permane sui capelli anche dopo l'asciugatura. 

Ho applicato la pastella così ottenuta sui capelli e l'ho tenuta (incelophanata!) per tutta la durata del bagno (circa 20 minuti). Infine ho risciacquato via tutto.
Mi aspettavo di avere in testa un groviglio di rovi ed ero pronta con il mio armamentario di balsami, e invece no, i capelli anche da bagnati risultavano perfettamente districati, perfino condizionati direi. Li ho fatti asciugare all'aria senza fare la piega (mi si è rotto il phon! xD) e solo da appena appena umidi ho applicato pochissima lozione ricci morbidi di Biofficina Toscana. Come vedete i capelli sono lucidi (il riflesso biondo è dovuto alle luci gialle! Non ho davvero quel riflesso per fortuna xD ) e risultano morbidi al tatto e profumati all'olfatto.
Il risultato mi è piaciuto parecchio nonostante fosse la prima volta. 

Certo, come esperimento è perfettibile: la prossima volta metterò un goccino di miele per nella pastella per nutrire i capelli, ma già così posso ritenermi soddisfatta :-) Mi ripropongo di lavare i capelli in questo modo una volta a settimana alternando coi consueti lavaggi con il classico shampoo.
Voi cosa ne pensate, utilizzate l'argilla per lavare i capelli?

lunedì 24 ottobre 2016

Il punto su Sezione Aurea Cosmetics

Sono mesi e mesi che ho nelle bozze questo post. Ma andiamo con ordine.


- Shampoo -
Lara e Giuliana di Sezione Aurea Cosmetics sono senza dubbio due dei pezzi forte dell'intera linea. Lara è uno shampoo alla cheratina che promette di rinforzare migliorare la struttura dei capelli e adatto a capelli secchi. E' uno shampoo delicato che contiene anche olio di lino per nutrire i capelli. Ha un effetto condizionante discreto (più di un qualsiasi shampoo normale, ma minore rispetto agli shampoo di Bioturm) e anticrespo. Mi è capitato di usarlo anche senza l'ausilio del balsamo e i capelli sono rimasti morbidi e condizionati. Non appesantisce minimamente i capelli.
Giuliana, al contrario, è uno shampoo anticaduta e antiforfora, adatto a capelli grassi. Lava con cura i capelli, sgrassa ma senza aggredire il cuoio capelluto. Contiene bardana e ortica utili allo scopo. Questo in casa è stato apprezzato moltissimo, sia da me, sia dal mio ragazzo che se lo è pure portato dietro durante una trasferta. Usando Giuliana sono riuscita a far passare più tempo tra un lavaggio e l'altro, ma senza disseccare il cuoio capelluto.
Entrambi ottimi prodotti, li ho usati con molta soddisfazione.
- Balsamo -
Con Anna mi sono trovata bene: mi ha stupita perché è sì un balsamo districante, ma lascia i capelli leggerissimi e vaporosi. questo per merito del condizionante usato: l'esterquat (nell'inci indicato con distearoylethyl dimonium chloride).   Purtroppo non ho potuto approfondire la sua conoscenza perché dopo un poco che avevo cominciato ad utilizzarlo, la formula si è separata, è diventata come ricotta e ho dovuto buttarlo via. Mi è stato spiegato che la produzione è artigianale (non industriale) e dunque queste cose possono succedere. Ho pensato ma sticazzi? Ho speso più di 10 euro e almeno 5/6 sono finiti nella pattumiera. Spero vivamente abbiano migliorato la formulazione o la produzione o quello che serve per non farti buttare via un flacone pieno di prodotto. In ogni caso, non credo lo comprerò più anche se per quel che ho potuto usarlo era un buon prodotto.
Cristina è una maschera nutriente e ristrutturante che può essere utilizzata anche come balsamo. Districa a meraviglia senza necessità di stare a dipanare i capelli con le mani (e i miei capelli sono sfigati e reggono veramente poco le trazioni anche leggere) quindi quando avevo i capelli lunghi era una manna dal cielo, non ne potevo fare a meno. Nutre i capelli e aiuta a combattere efficacemente il crespo. Poi per me che uso impacchi a base di erbe, un prodotto del genere è utile per mantenere i capelli nutriti e idratati (si lo so i capelli non si "nutrono" e non si "idratano"...). L'ho veramente adorata, aveva una consistenza quasi liquida che rendeva la stesura molto agevole e ne bastava anche poca. Super promossa, terzo pezzo forte della linea.
- Styling -
Tati crema divina di Sezione Aurea cosmetics, recensita qui, è un'autentica bomba anticrespo e quarto pezzo forte. Mi ci sono trovata divinamente e me ne bastava pochissima per avere un buon risultato sui capelli. Il problema è che ho dovuto buttare via il flacone quasi pieno (mancavano giusto tre dita di prodotto). La formula si è separata (come per Anna) ed è diventata impossibile da utilizzare. Stavolta nella pattumiera però sono finiti più di 10 euro di prodotto e questo mi ha orientato verso altri acquisti. Spero che nel frattempo come per Anna sia stato posto rimedio a questo inconveniente.  

Infine abbiamo Alba e Tiziana. Alba non mi è granché piaciuta, nel senso che l'effetto sui miei capelli non mi è piaciuto particolarmente. Fa bene il suo lavoro di volumizzante: i capelli, infatti, risultano sollevati proprio alla radice (dova va spruzzata) e probabilmente il fatto di contenere caffeina aiuterebbe anche la ricrescita dei (miei poveri) capelli. Solo che mi dà una fastidiosa sensazione di fusti irrigiditi che mi porta a non usarla spesso.
Tiziana, invece è uno spray acido che ha come scopo quello di chiudere le squame del capello per renderlo lucido. Sostituisce, in pratica il lavaggio acido con l'aceto diluito (che dai, diciamocelo, non è il massimo della vita!) Devo dire che fa il suo lavoro egregiamente, rende i capelli davvero lucidi (senza sporcarli!). Finirà nei prodotti finiti prossimamente.

Voi avete provato qualcosa di sezione aurea?

martedì 18 ottobre 2016

PrimoBio e codice sconto!

Questa mattina, con un bel sorriso - non potete vedermi ma è così - vi parlo di una bella novità che vi riguarda :-)
In barba alle bozze già presenti, scrivo questo post per annunciarvi che Deborah (Lazzaro... conoscete BioMakeup? scommetto di sì!) proprietaria dello store PrimoBio - bioprofumeria - cosmetici bio online ha concesso alle lettrici di questo blog il codice sconto dgbio-5 che permette di ottenere uno sconto del 5% valido su tutto il catalogo presente sul sito http://primobio.it Per ora non è prevista alcuna scadenza, è valido per un ordine a testa ed è - udite udite - cumulabile con altre promozioni già presenti sul sito!


PrimoBio è un e-shop di cosmetici bio online, che rivende svariati brands italiani ed esteri accuratamente selezionati. L'e-commerce è veramente ben fornito e tiene marche conosciutissime e apprezzate come Alkemilla Eco Bio CosmeticBiofficina ToscanaLe Erbe di JanasNeve Cosmetics NABLA Cosmetics ma anche chicche Piteraq oOfficina Barcaglione, solo per citarne alcune, ma qui potete trovarle tutte! 
PrimoBio è uno shop on line creato da una blogger che ha provato e testato i prodotti prima di tutto in veste di consumatrice e in quanto tale è anche attenta a molti aspetti che stanno a cuore a chi acquista on line: spese di spedizione ragionevolissime, gratuite già dai 29,90 euro, al di sotto partono dai 3,90 euro e coccole per i clienti! Infatti in ogni ordine Deborah inserisce un regalo :
Fatemi sapere se l'iniziativa vi piace e buono shopping a tutte.

:-

lunedì 10 ottobre 2016

Tathia: haul e esperienza di acquisto #2

Le ragazze del gruppo Passione Henné mi stanno contagiando con la loro passione appunto, e mi stanno insegnando un sacco di cose sulle erbe tintorie.
Proprio dal gruppo è arrivato l'input per l'acquisto dell'Henné salus in erbis nella tonalità rosso mogano. Voglio ottenere un rosso freddo e questa miscela dalle proprietà tintorie pazzesche penso possa fare al caso mio. Non l'ho ancora applicata per mancanza di tempo, ma non appena lo farò posterò il risultato qui sul blog. Intanto ho imparato come annullare l'effetto ramato caldo del rosso freddo delle erbe di Janas per ottenere un rosso più sui toni del ciliegia che mi piace molto di più: mi è bastato non farlo ossidare come ho sempre fatto, con sostanze acide, ma al contrario usare un pizzico di bicarbonato, amico dei toni freddi. 
Questo è quello che ho ottenuto (senza il passaggio di indigo!)


Se ne volete sapere di più scriverò un post apposito, nel frattempo torniamo all'haul.
Come dicevo tutto è partito dal fatto che cercavo questo rosso mogano di salus in erbis. Ho visto che Tathia lo ha inserito da poco nel suo catalogo sterminato di prodotti ecobio e complice il fatto che c'erano sconti sulle minisize delle erbe di janas ho deciso di piazzare un ordine.
Ecco cosa ho comprato:

- Salus in erbis:  henné rosso mogano di cui vi ho parlato sopra.
- BioMarina: shampoo ristrutturante. Ho cercato per giorni questo shampoo ovunque, sia in rivenditori fisici che su e-commerce ma risultava sold out praticamente ovunque! Meno male che da Tathia ce n'era ancora. :-)
- Le erbe di Janas - maschera ristrutturante e maschera idratante. Come sapete in full size queste maschere hanno un costo esorbitante. Io ho deciso di prendere le minisize in saldo (credo se ne possano fare un paio di applicazioni sui capelli medio corti come i miei) per provarle perché mi sto trovando un gran bene con lo shampoo ristrutturante della stella linea (ve ne parlerò presto, promesso).
- Naturaequa - fruttalabbra alla ciliegia. E' un balsamo labbra colorato (neppure leggermente, sulle mie labbra colora un sacco!) molto morbido e idratante.
Antonella ha riempito il mio pacchetto con tantissimi campioncini tra cui una mini-saponetta di naturaequa. 
Il tutto era imballato benissimo, con tanto di sacchetto regalo con dentro i campioncini e bigliettino scritto a mano. Avevo già comprato da lei quando c'era il vecchio sito, questo nuovo è mille volte più bello e funzionale. E' poi un negozio fornitissimo, è praticamente impossibile non trovare quello che si cerca :-)

Avete già provato qualcosa fra questi prodotti? Vi interessa un post sull'henné? Fatemi sapere nei commenti qui sotto.

Omia Laboratoires - balsamo all'olio di macadamia... E Omia non sbaglia un colpo!

E niente, per quel che riguarda l'hair care Omia non sbaglia un colpo.
Come sapete se siete lettrici / lettori di questo spazio, ho recensito tutte le linee per capelli di Omia Laboratoires, in particolar modo tutti gli shampoo e tutte le maschere per capelli. All'epoca non c'erano i balsami che sono andati a implementare successivamente le referenze del marchio.




Indecisa su un balsamo low cost da comprare, al CAD ho arraffato questo senza pensarci troppo. L'inci è simile a quello della maschera corrispondente,quindi mi aspettavo che fosse un buon prodotto.
Cosa si è puntualmente verificata alla prova d'uso: si presenta come una crema un po' meno densa rispetto alla maschera (e il pack tiene conto di questo, essendo un classico "tubo") ma molto molto cremosa, che districa all'istante qualunque nodo o groviglio di capelli, ed io ho i capelli sottilissimi che si annodano con niente. Non appesantisce minimamente i capelli e combatte efficacemente l'effetto crespo.
Questo balsamo regala una pettinabilità top già sui capelli ancora bagnati o tamponati e una lucentezza morbidezza impareggiabili ad asciugatura effettuata.
Consigliatissima.

venerdì 23 settembre 2016

LAUBeauty Haul ed esperienza di acquisto.

Ultimo post sull'evento Agronauti di sabato 17 settembre.
Come sapete si è svolto nella bioprofumeria LauBeauty di Milano. Non ci ero mai stata benché io avessi già comprato dal loro e-commerce trovandomi benissimo.



Il negozio mi è piaciuto tantissimo, è uno spazio quasi intimo ma luminosissimo, arredato con eleganza cura e buon gusto da Chiara e Laura. Le ragazze sono gentilissime e preparatissime quindi non esitate a chiedere consigli.
La bioprofumeria è fornitissima con i migliori marchi ecobio per la skin care e per il make up presenti sul mercato con qualche chicca di non facile reperibilità (come gli agronauti stessi, maternatura, domus olea...), hanno accessori di qualità (come real techniques) ma non solo, trattano anche artigianato, con pezzi tra gli altri di Petit Pois Rose e Lait Noir. Hanno beauty cuciti a mano, borsine di stoffa, bijoux, cuscini eccentrici (Frida pillow era stupendo!)










Mi sono innamorata di ogni angolo. Ho dovuto trattenermi perché avrei comprato di tutto.
E, in effetti non è che io sia uscita a mani vuote da negozio... anzi!
Ecco il mio bottino:


Agronauti cosmetics: Syd/shampoo per lavaggi frequenti. Mi ha incuriosito molto il concetto di anti-inquinamento. Chiunque viva o lavori a Milano o chiunque faccia il pendolare e sta sui mezzi pubblici sa di cosa parlo, tornare a casa la sera con addosso i residui di smog e sentirseli addosso e sui capelli... Terribile! Questo shampoo, insomma sembra fare al caso mio. Vedremo come si comporterà!
BioMarina: crema balsamo ristrutturante. Finalmente provo anche io prodotti della mia omonima. Della linea per capelli, in particolare, me ne hanno parlato tutti come la migliore presente sul mercato attualmente. Volevo anche lo shampoo (si lo so, un altro) ma quello ristrutturante era finito. Mi rifarò al più presto.
Maternatura: fluido modella ricci. Ho rincorso questo prodotto su tutti gli e commerce di mia conoscenza senza trovarlo, è sold out dappertutto, così quando l'ho visto sullo scaffale non ho potuto resistere ed è tornato a casa con me!
Neve Cosmetics: pastello labbra delirium e pastello occhi distortion della collezione nuova "mutation". Swatchate sono stupende entrambe,ovviamente vi farò un post comparativo più avanti :-)

Mi hanno anche regalato dei campioncini che sarò ben lieta di usare. Ricapitolando:
Laubeauty Milano 
Via Foppa 21 (Ingresso su via California 22), 20144, Milano
Orari di Apertura
Lun 15:00-19:00
Mar-Sab 10:30-14:00 / 15:30-19:00
Chiuso Lunedi Mattina - Domenica 
Contatti
Tel: 02/83994110
Mail: milano@laubeauty.com

mercoledì 21 settembre 2016

LAUBeauty presenta Agronauti Cosmetics Parte II linea pure.

Continuiamo la panoramica sui prodotti Agronauti Cosmetics parlando questa volta della linea pure. E' una linea fatta di prodotti semplici ma dalle grandi funzionalità, con un pack veramente sfizioso simil saliera/pepiera. Tutti questi prodotti possono essere usati in combinazione con i prodotti della linea shield, ad esempio l'argilla con lo shampoo, i detergenti con gli esfolianti etc...
                     
Cominciamo?
POLVERE DI BAMBOO
(esfoliante viso medio)
Un esfoliante viso utile per rimuovere le cellule morte e per stimolare il rinnovo cellulare. E' una polvere pura e ricca di sali minerali. Può essere utilizzata a secco o mescolata con Talia.
ARGILLA ROSSA DEL MAROCCO
(maschera purificante viso e capelli)
Chi non conosce l'argilla e le sue proprietà? Chi non ha mai fatto una maschera all'argilla? Di solito chi usa le erbe tintorie usa anche gli impacchi di argilla rossa (ghassoul) anche per lavare i capelli. Ha proprietà purificanti straordinarie, rimuove le impurità e le cellule morte superficiali e lascia la pelle liscia, levigata e morbida. Non secca neppure i capelli considerato che è una miniera di minerali. Questa di Agronauti è solo moroccan lava clay. Ottima dunque.
POLVERE DI SEMI DI ROSA CANINA
(esfoliante delicato per pelli sensibili)
 esfoliante delicato a base di rosa canina, nota per le sue virtù antiinfiammatorie e depurative. Secondo me di questa linea è il prodotto più interessante!
L'ultimo prodotto della linea pure è il
SALE ROSA BOLIVIANO
(esfoliante energetico corpo)
Dato che questo prodotto in particolare mi incuriosiva ho fatto delle ricerche per conto mio. E' sostanzialmente un sale fossile che si è conservato sotto uno strato di roccia vulcanica, contiene sali minerali in quantità maggiore rispetto al sale raffinato. L'inci è sodium cloride (ovvero come il comune cloruro di sodio, sale da cucina) ma se pensate che allora tanto vale usare quest'ultimo... ripensateci!  Personalmente non utilizzo lo zucchero o il sale da cucina per spignattare cosmetici in casa. Questo perché ci ho provato qualche volta ed il risultato non è stato soddisfacente: la grana del sale e dello zucchero ad uso alimentare non è adatta ad essere strofinata sulla pelle, è troppo grossa e finisce proprio per graffiare! Per questo mi affido sempre a prodotti specifici. Questo sale può anche essere utilizzato come un sale da bagno, disperdendolo nell'acqua della vasca.

L'impressione generale che ho avuto dall'evento è stata molto positiva, ho visto un'azienda giovane fatta da persone giovani, preparate, che nutrono una passione sincera per il loro lavoro, sempre alla ricerca di formulazioni performanti perché sì, il pack è importante per rendere il prodotto bello, la formulazione è importantissima, ma se un cosmetico poi non funziona, non ce ne facciamo nulla.
Sicuramente hanno pensato ad un tema e lo hanno sviluppato creando prodotti coerenti, sia nella linea dei cosmetici, sia in questa linea di polveri. Sono molto attenti ai consumatori, li ascoltano e prendono spunto dai suggerimenti che da loro provengono, e il progetto beauty hackers in cui le candidate si esprimono sui processi creativi e formulativi ne è la riprova.
Io non vedo l'ora di provare campioncini e lo shampoo.  
Vi ricordo che se c'è qualcosa che vi interessa fino al 15 ottobre c'è una promo del 20% su una selezione di prodotti, ma solo nei punti vendita che aderiscono all'iniziativa, ovvero:
Biostè - Napoli
Legame Naturale Shop - Torino
Bio&makeup - Poggibonsi (SI)
LAUBeauty - Milano
La bottega color cannella - Natural & Organic Beauty - Lido di Ostia (RM)
Greenmaison - Padova

Agronauti ha anche tutta una serie di accessori utilissimi come diverse varietà di spugna di konjac, pettini e spazzole di legno, che potete vedere qui. Sono rimasta stupita perché se i prodotti di skin care non mi erano completamente nuovi, degli accessori ignoravo del tutto l'esistenza!

Infine se volete sapere qualcosa in più sul progetto beauty hackers vi rimando qui e qui.
Vi lascio alcune foto dell'evento e se avete domande vi aspetto nei commenti :-) 
Spero che questo mio reportage vi sia piaciuto, ma vi aspetta ancora un ultimo post incentrato sulla bioprofumeria che ha ospitato l'evento: LauBeauty.
A presto
M. 

lunedì 19 settembre 2016

LAUBeauty presenta Agronauti Cosmetics Parte I linea Shield

Sabato 17 settembre sono stata invitata da LauBeauty bioprofumeria milanese e Agronauti Cosmetics, brand italiano impegnato della produzione di cosmetici ecobio, vegan, sostenibili e cruelty free (qui potete leggere il loro codice etico) all'evento di presentazione dei loro prodotti.

Io, a dir la verità, avevo già sentito parlare di agronauti quindi, presa dalla curiosità, prima ancora di arrivare all'evento ho cercato il sito dell'azienda per farmi un'idea.
Sono arrivata alla presentazione, quindi, già con un'idea di quello che avrebbero detto (per fortuna, dato che per ragioni che solo trenord conosce, sono pure arrivata in ritardo...).
Ma partiamo dal principio.
I PRODOTTI
Nel corso dell'evento si è parlato dei prodotti e di come possono interagire fra loro. Voglio dirvi subito di fare caso ai bellissimi pack frutto della collaborazione con un artista.
Partiamo subito dal prodotto che ho poi deciso di acquistare... 
SYD Shampoo

Avevate dubbi sul fatto che io potessi acquistare uno shampoo? no vero? E' adatto per lavaggi frequenti, per tutti i tipi di capelli. Mi ha incuriosito molto il fatto che fosse "antismog" cioè adatto a rimuovere tutti i residui che durante la giornata si depositano sui capelli (e addosso). Chi abita o lavora a Milano può capirmi! Oppure da utilizzarsi dopo essere stati in piscina per esempio, per rimuovere il cloro dai capelli. Sono stra curiosa di provarlo. Anche l'inci è molto interessante, lo trovate qui. E considerate pure che ha un ottimo profumo di limone!
Mi hanno precisato che non si  tratta di uno shampoo purificante, ma utilizzandolo in combinazione con l'argilla lo può diventare. Qui spiegano come: si tratta semplicemente di mescolare i due prodotti con un po' di acqua o gel d'aloe per rendere l'impacco più stendibile. 
Segnalo che la prossima uscita del brand sarà un balsamo, super-performante mi hanno assicurato. Non vedo l'ora che esca, un syd non può stare senza la sua Nancy (e ovviamente spero si possa chiamare così, ma il processo creativo è ancora in corso... Se avete piacere di partecipare al progetto Beauty Hackers per dire la vostra sui processi formulativi e creativi, potete consultare questa pagina, ma ne parlerò più avanti.
Torniamo ai prodotti. Che ne dite di una cc cream adattabile ad ogni incarnato?
GEA Complexion Color Corrector 
ARIEL Antipollution Day Cream


La prima è una cc cream uniformante, utile contro discromie e macchie, utilizzabile come base per il trucco. Swatchandola sulla mano ha una buona stesura, ma la colorazione per me è veramente scura. Ma niente paura, ci viene in soccorso Ariel, crema idratante con protezione UV. Seguendo questa procedura si dovrebbe riuscire ad ottenere il colore adatto ad ogni tipo di pelle. In sé il concetto non è nuovo (io stessa mescolo fondo minerale con crema ad esempio), ma l'innovazione è aver creato due prodotti adatti specificamente per questo utilizzo. Ci hanno mostrato in loco come fare creando sul momento dei samples con varie colorazioni che ho potuto swatchare, però purtroppo non sono riuscita a farmi un'idea precisa della resa sul viso, cercherò di ovviare utilizzando un campioncino di crema Ariel (per me è importante che la crema non sia troppo pesante e ad una prima impressione Ariel mi è sembrata leggera)
                         
Il reparto creme sicompleta con una crema notte nutrienteper il viso e con una crema corpo 
ALENA
Crema notte antiage e nutriente. Contiene oli e burri (cocco, argan, karité, avocado) che nutrono ma anche sodio ialuronato per idratare.
  SEDNA
Anche quest'ultima segue un po' il filo conduttore della linea "anti inquinamento", l'azienda la presenta come rimedio per la pelle stressata dai fattori di inquinamento urbano, quali smog e sali calcarei. Inci interessante con tutti i burri presenti nella crema notte ed estratto di moringa.
Infine abbiamo i detergenti
TALIA  Ecomousse detergente viso 
JASON Ecomousse detergente corpo

Anche questi prodotti seguono il fil rouge "anti-inquinamento". Talia mi ha incuriosito molto e l'avrei presa  (adoro le mousse!) se non avessi appena comprato un altro detergente specifico per il viso due giorni prima di questo evento. Come vedete entrambi hanno quell'applicatore particolare che permette di far uscire una schiuma morbida dal flacone. L'azienda la presenta come detergente e struccante. Ovviamente non ho potuto provare in loco le proprietà struccanti e d'altra parte questa è solo una panoramica sui prodotti...
Jason invece è il detergente specificopensato per il corpo... e per le barbe! Il mio fidanzato barbuto si è incuriosito e mi sa che mi toccherà comprarglielo xD
Qui finisce la linea shield ma manca ancora molto altro di cui parlare, quindi restati nei paraggi e ditemi cosa ne pensate di quanto detto fin qui. 
Io tirerò le somme sull'impressione che mi ha fatto l'azienda nel prossimo post in cui parlerò della linea pure, prodottini stuzzicanti già a partire dal pack particolare edel progetto beauty hackers.
Intanti vi lascio un po' di foto dell'evento.
Al prossimo post
M.