giovedì 14 gennaio 2016

BioBalù Haul

Prima dei prossimi post sui prodotti top per la cura della pelle e dei capelli volevo condividere con voi la prima bella scoperta dell'anno.
Ho fatto un ordine pochi giorni fa da un nuovo e-commerce che si chiama BioBalù.
Non so di preciso da quando abbia aperto i battenti - credo piuttosto si recente - perché ne avevo già sentito parlare bene sul gruppo facebook di BioHaul.
Per curiosità avevo sbirciato il sito e l'ho trovato molto grazioso nella grafica e molto pratico per la consultazione dei prodotti. Ha un catalogo ben fornito e tiene parecchi marchi noti (neve cosmetics, alkemilla, purobio, antos...) e qualcuno meno noto (neobio, biopark cosmetics e volga cosmetici ad esempio).
La mia attenzione si è focalizzata su questi ultimi e considerato che avevo finito il mio scrub viso ho deciso di piazzare un ordine approfittando delle offerte per l'epifania.

Il servizio offerto.

Ho ordinato il sei gennaio e il pacchetto è stato preparato e spedito il giorno successivo. Il corriere avrebbe dovuto recapitarmelo venerdì 8 gennaio ma per un qui pro quo sull'indirizzo (dovuto a colpa del corriere) il pacchetto è giunto nelle mie mani solo il lunedì successivo ovvero l'11 gennaio.
Preciso che di questo ritardo il negozio non ha avuto responsabilità alcuna (aveva riportato l'indirizzo in modo più che corretto!).
La velocità nel preparare il pacchetto non ha nuociuto alla cura messa nell'imballaggio che è fra i più belli e curati che abbia mai visto: nella scatola i prodotti erano racchiusi in un'adorabile carta velina lilla sigillata da un adesivo scritto a mano. All'interno della velina che mi è spiaciuto aprire per quanto era graziosa, i prodotti erano comunque sigillati uno ad uno con nastro adesivo (quelli che avrebbero potuto aprirsi almeno) e gli omaggi erano in una bustina di velo rossa. Insieme con omaggi e prodotti mi sono state inviate tante brochure: leggerò con cura quelle di volga cosmetici, specie quella dedicata al sapone medusa che mi incuriosisce un sacco (e di cui ho ricevuto un campioncino).

Cosa ho preso.



- Antos - balsamo per capelli. Ha un inci interessantissimo, con ginseng e miele. L'ho usato una volta ed appartiene a quella categoria di balsami che i miei capelli "si bevono". Ovviamente non ne posso ancora dire nulla, se non che fra i prodotti del brand è uno di quelli più difficile da trovare presso i rivenditori. Non so se ci sia un motivo particolare per questo, ma intanto aspetto che arrivi in negozio anche la maschera per capelli.


- Volga cosmetici - il mare addosso - sapone scrub i mari della grecia con argilla. Questo è il motivo per cui ho fatto l'ordine: volevo provare uno scrub all'argilla sul viso. Questo costa 3,50 euro per 100 grammi di prodotto (ma può essere acquistato in formato più grande): apprezzo sia la possibilità di provare il prodotto prima per un po' di tempo per capire se davvero mi piace senza investire grosse cifre, sia la possibilità di cambiare spesso (esistono più varianti con profumazioni diverse dello stesso sapone scrub). Anche questo l'ho usato una volta sola e si è comportato egregiamente: non è aggressivo ma allo stesso tempo ha una bella azione scrubbante decisa. Mi ha lasciato la pelle del viso liscia come non l'ho mai avuta. Promettente.

- Volga cosmetici - il mare addosso - sapone scrub i mari del nord - fruttato. Questo l'avrei preso per mia sorella ma vista la resa del primo... Non so se tenerlo ed aprirlo quando finirò quello all'argilla :-P

- Biopark cosmetics - baheda powder. Credo ormai di aver provato tutte le erbe curative in commercio, ma questa non la conoscevo ancora. E' adatta alla cura dei capelli sottili per rafforzare e stimolare la crescita di capelli sani. La proverò al più presto.

- Neobio - rossetti in 01 elegant red e 03 soft rose. Già swatchati e provati un paio di volte. Mi hanno stupito: sono morbidi e confortevoli ma non migrano per la faccia e si riesce ad ottenere un colore pieno con due passate. Il primo è un rosso freddo, il secondo è un rosa malva freddo. Quest'ultimo mi sembra (ma mi ci vorrebbe più luce per valutare meglio) il mio mlbb perfetto. Insomma per cinque euro a testa sono pienamente soddisfatta.



- Neobio - matita kajal eyeliner nel color cioccolato. Morbida e scrivente anche lei. Indossata per qualche ora non è colata via, ma devo testarla meglio (anche a temperature più miti).

Aderendo all'offerta dell'epifania mi è stata omaggiata una matita occhi neobio nera glitterata (stesse impressioni del kajal) e all'interno dell'ordine sono comunque stati inseriti un paio di altri campioncini.

Vedete i mille brillini della matita?
In conclusione
Il negozio mi è piaciuto e aspetto con ansia i riassortimenti.
Il servizio è veloce e curatissimo. Ho anche scritto ad Antonella per mail per segnalare il disguido ed è stata celere nelle risposte e carina e disponibile nei contenuti.
Le spese di spedizione ammontano a 5,99 euro fino a 15,99 di spesa, 3,99 fino ai 40 euro e gratuite oltre questa soglia. 
Inizio il 2016 con questa bella scoperta. E voi conoscete questo shop on line?

domenica 10 gennaio 2016

Prodotti top del 2015: makeup edition.

Ragazze, ormai l'anno nuovo è cominciato ed è ora di tirare un po' di somme, anche in campo cosmetico.
Vorrei parlarvi dei prodotti che più mi hanno colpita nell'anno appena passato e lo farò per categorie merceologiche.
Iniziamo dai cosmetici decorativi.
Il brand principe di questa categoria è Nabla Cosmetics con il suo cosmic dancer , ma andiamo con ordine.
Prodotti viso
- Correttori -

Cominciamo da quello che non c'è. Nel senso che al momento sto usando un correttore di essence e un correttore di So' bio étic e non li definirei come prodotti top. Rimango affezionata a blush away e blondie di Lily lolo ma sebbene mi piacciano, il fatto che siano il polvere libera e che tendano a seccare - sul lungo periodo - la pelle, non permette loro di entrare in questa mia personale "classifica". Casellina vuota.
- Fondotinta -



Per quel che riguarda il fondotinta, devo fare una premessa. Io amo in fondotinta minerale, il porcelain di Lily Lolo (nella foto travasato in una jar di Neve) è il mio preferito perché uniforma tantissimo, è coprente ed ha una durata invidiabile per essere un fondo minerale. Il problema che sul medio-lungo periodo mi secca la pelle e quindi devo per forza alternarlo con qualcos'altro, pena la pelle che fugge via dalla faccia. Quando avevo più tempo lo usavo anche d'inverno miscelandolo ogni mattina con un po' della mia crema idratante. Sinceramente un po' il tempo, un po' la voglia che di prima mattina non è mai al top, ho cercato qualcosa che fosse più pratico da usare. Ho provato tante bb cream e fondotinta di vario genere, che mi sono piaciuti ma per il  2015 in ballottaggio vanno in due: il fondotinta liquido di so' bio etic in rose discret e il compatto di couleur caramel nella colorazione n. 12. La spunta quest'ultimo perché il primo, benché sia coprente, facilmente stendibile e sfumabile (ed è esattamente il mio colore di pelle!) alla fine del tubetto tende a separarsi e occorre agitarlo benissimo prima di ogni utilizzo (è anche vero che costa un po' meno di terzo del collega). Ma non ho sempre il fidanzato disponibile per un'energica agitata. xD Col il compatto era la prima esperienza, me lo ha regalato la mia amica Ilaria e credo che fosse stato per me non l'avrei preso... Invece devo dire che mi ci sono trovata un gran bene: è praticissimo nell'uso, lo applico dal tubetto e lo stendo con il red amplify di Neve Cosmetics, è tanto coprente che occorre metterne poco, stendere e aggiungere solo all'occorrenza, altrimenti si rischia l'effetto faccia asfaltata... Si stende facilmente e dura intatto tutto il giorno. La mia pelle mista (nella zona della punta del naso e fra naso e bocca) e secca (ovunque altrove) apprezza particolarmente la sua texture cremosa e mi piace anche il finish cipriato ma luminoso che dona al viso. Uniforma moltissimo l'incarnato e leviga la pelle. Usando questo fondo ho eliminato lo step del correttore se non per le occhiaie. Se non avete rossori o imperfezioni particolarmente evidenti basterà da solo. 

- Cipria -



Fisso il fondotinta di cui sopra con una spolverata con pennello da cipria di flat perfection di Neve cosmetics. Ne avevo scritto una recensione (qui) e continuo a pensarne bene. La mia cialda ha ormai un bel buco al centro e dovrò pensare al successore. Il fatto che sia modulabile e stratificabile mi permette con una spolverata in più di gestire le imperfezioni ostinate che il fondotinta da solo non è riuscito a nascondere. In caso di rossori particolarmente estesi e fastidiosi non mi piace comunque usare il correttore (dovrei spalmarlo su metà viso) ma con questa combinazione di prodotti riesco a gestirli. 

- Contouring e blush -



Fra i prodotti viso merita una citazione il bronzer resplendent di purobio cosmetics nella colorazione 01. Ho iniziato ad accennare (una sotto-specie di) contouring (di cui sono completamente incapace) da quando ce l'ho ovvero qualche mese ormai e il risultato devo dire che non mi dispiace. E' stata una fatica trovare un bronzer che non fosse troppo scuro o peggio troppo caldo/arancio per me, considerato che ho la pelle chiarissima con sottotono neutro freddo ma penso di aver trovato un buon compromesso. La cialda non è polverosa ed è facilmente sfumabile. Queste caratteristiche per me valgono quanto il colore azzeccato, dato che essendo inesperta non rischio di fare danni. Fra i blush mallow rose di benecos è ancora il mio preferito. Ho tanti blush minerali di Neve Cosmetics che mi piacciono da impazzire (english rose fra tutti) ma li trovo scomodi nell'applicazione quotidiana, quando il mattino, quei cinque minuti in più preferisco investirli con gli occhi chiusi sul cuscino anziché davanti allo specchio. Nella ricerca del blush in cialda che fosse scrivente mi sono imbattuta anche nell'ombretto circle di Nabla che - vi anticipo - mi piace un sacco anche usato così. Per il 2016 ho visto un paio di blush di the balm che vorrei provare, fra cui un bel malva, mentre le cialde della blushissimi di Neve Cosmetics vorrei cestinarle. Una delusione totale: non scrivono se non applicate direttamente con le dita sulla guancia e quel poco colore che rilasciano svanisce tempo 15 minuti.

- trucco degli occhi -
Ombretti e palette




Per quel che riguarda gli occhi, devo dire che quest'anno ho preso parecchi prodotti, tra cialde singole e palette e - considerato che sono tutti stati acquisti meditati - mi è piaciuto tutto. Ho preso sette cialde di Nabla Cosmetics (lilac wonder, madreperla, ground state, baltic, circle, daphe2 e nimesis) e alcune fra queste mi hanno particolarmente colpito: si tratta di daphne 2 e ground state. Daphne 2 è il genere di colore per cui vado pazza e di cui ho varanti in tutte le salse. Essendo caldo non mi valorizza particolarmente, lo ammetto, ma mi piace, anche per come mi sta, per quell'aria un po' sick/grounge che mi dà quando eccedo un po' con le dosi (dell'ombretto!). Ground state, invece, è un colore unico, almeno per me, nel senso che non ho nulla di simile nel mio stash. Sono entrambi molto scriventi e sfumabili. Belli, belli!
Tra le palette non posso non citare fra quelle che ho comprato quest'anno (e ne ho prese parecchie fra cui MUR), quelle di Boho Cosmetics: la flower power, dai colori freschi ed estivi e la gypsy, dai colori della terra. Bellissime entrambe. Un po' polverose (specie la prima) ma dai colori scriventi e sfumabili. Non sono tutti colori adatti a me (in senso armocromatico, sono io una IP) ma, ogni tanto sperimentare non guasta. :-)  Tra le palette top metto anche la over the taupe di essence, un quad da pochissimi euro che mi toglie sempre dall'imbarazzo quando non so bene come truccarmi o quando devo preparare una trousse leggera da portarmi in viaggio (e quest'anno mi è capitato spesso!).

Matite


Anche quest'anno la casella delle matite nere per gli occhi rimane tristemente vuota, non avendo ancora trovato nulla che regga sul mio occhio senza farmi sembrare un panda che piange.
La novità è che invece mi sembra di aver trovato una matita marrone degna di questo nome: la strong coffee di wycon. Un marrone freddo e scurissimo che non scompare dopo dieci minuti e non cola miseramente. Quando acquistai dal sito presi solamente due di queste matite, la strong coffe appunto e la mineral green (bellissima ma la sfrutto poco) quindi per il 2016 l'acquisto di quella nera è d'obbligo! 
Mascara
Negli ultimi mesi ho provato e applicato più mascara del solito e boh, ho l'impressione che la cosa non abbia giovato alle mie ciglia che già di loro erano belle lunghe e folte. Ho come l'idea che l'uso quotidiano del mascara e lo struccaggio serale le abbia spezzate, mi sembrano più corte del solito. Dovrò rimediare con l'acquisto di olio di ricino che mi sarà utile anche per le sopracciglia (a loro volta hanno una casella vuota...Nel 2016 devo rimediare!) o con un mascara "curativo" tipo quello di italchile (chi ha esperienze dirette me ne parli pure nei commenti!).
Ad ogni modo fra tutti quelli che ho provato quello di essence (il mitico i love extreme) non si smuove dal suo gradino più alto del podio, come per l'anno precedente. 

- trucco delle labbra -
Matitoni, rossetti, gloss





Per ciò che riguarda le labbra, il 2015 è stato pazzesco, ho preso tantissime nuove matite e una valanga di nuovi rossetti e matitoni. Sebbene mi siano piaciute parecchie cose (tra cui vertigo, ombre rose, alter ego di Nabla di cui vi parlerò) entrano in questa lista poche cose (e alcune le avevo già): cosmic dancer di Nabla, chianti di Wycon e Estée Lauder pure color envy shine in empowered e il gloss dibolic red di Madina. Il primo ce l'ho da poco, ma appena l'ho avuto l'ho indossato e sono rimasta imbambolata per ore a guardar(me)lo indosso. Sembravo un'imbecille. E' la prima volta che mi capita qualcosa del genere con un rossetto, giuro! Non poteva non essere citato in questa classifica. Il matitone wycon, invece, ce l'ho da più tempo (ne ho comprati due per paura che il primo finisse... no comment) ed è un bellissimo rosso freddo, quello che ho tanto cercato per mari e per monti e che ho trovato in una matita da 3,90 euro. Amore puro! Quello di Estée Lauder è stata una sorpresa: c'era un'offerta per cui ho comprato una mini size di quel rossetto a 5 euro e mai mi sarei aspettata che mi sarebbe piaciuto così tanto. Se fosse colore "pieno" non sarebbe un colore che mi donerebbe, ma per i look da giorno il finish shine è davvero azzeccatissimo, non è troppo "impegnativo" ma dà appena un "alone" uniforme di colore lucido sulle labbra che contribuisce a far avere un'aria curata al viso. La stesura è semplicissima e anche dare ritocchi non è certo difficile. Ha una texture scorrevole, confortevole da portare e non secca le labbra, una vera scoperta, tanto che avevo pensato di prendere almeno un altro colore della stessa linea. Infine vi parlo di un gloss: è il diabolic red di Madina e me lo aveva regalato Elisabetta dello store "il trucco" di Ancona. Mi sorprendo ad usarlo più spesso di quello che avevo pensato all'inizio, specie sui rossetti "chiari" sul malva che in genere mi si spengono un po' addosso (e spengono me) per dargli un po' più di profondità. Veramente bello.

Questo è tutto. Una medaglia a chi è riuscito ad arrivare infondo a questo prolisso post.
Abbiamo prodotti in comune? Vi va di linkarmi i vostri post dei prodotti top 2015 nei commenti?
Io per ora vi saluto, ma aspettatevi un post preferiti per skin care/hair care.
Al prossimo post.